Una delle primissime cose che insegniamo agli atleti che seguiamo come mental coach sportivi è quella di riconoscere il proprio miglioramento della performance.

Può sembrare strano, ma non lo è!

La maggior parte degli sportivi, professionisti o dilettanti, sono concentrati quasi sempre sulle aree di miglioramento, perdendo di vista i miglioramenti e i successi che ottengono nel loro quotidiano.

Purtroppo è un fatto culturale che riguarda tutti noi e in tutti gli ambiti. Sin da piccoli ci hanno “allevati” sottolineando quasi esclusivamente gli errori che commettevamo. Ricordi il compito in classe di italiano? Tu scrivevi anche fino a due interi fogli protocolli di frasi su un argomento specifico e il professore sottolineava in rosso magari quei tre o quattro errori grammaticali! Alla fine venivi valutato e criticato su quei quattro errori! Ed il resto?

Questo modo di fare, sottolineare gli errori, esiste in tutti i campi, non solo quello scolastico! È la società che ci ha propinato questo modo di valutare e valutarci!

Fortunatamente nel coaching esiste il concetto di dare “feedback” che comprende sempre un rinforzo positivo, tanto caro alla psicologia comportamentista, su cosa è piaciuto! Solo dopo si passa al “consigliare” cosa si può migliorare!

Ed è ben intuibile che è uno modo completamente diverso di aiutare un atleta o in generale chiunque altro!

Dare un feedback intelligente è completamente diverso da fare una critica, le principali differenze le evidenziamo qui sotto:

  • la critica si concentra sulla persona, il feedback si concentra sul comportamento o sulla situazione,
  • la critica valuta, accusa e attribuisce colpe, mentre il feedback descrive e cerca rimedi,
  • la critica è generale, il feedback è specifico,
  • la critica si fissa su ciò che è accaduto nel passato, mentre il feedback enfatizza ciò che verrà fatto nel futuro.

Ora, fatta questa dovuta disamina sulle differenze tra critica e feedback ci preme chiarire che in qualità di mental coach sportivi, il nostro compito va oltre quello di dare un feedback all’atleta che alleniamo mentalmente.

La cosa importante per noi è insegnare al singolo atleta anche a sfruttare al meglio il suo dialogo interno. Già il dialogo interno! È un arma potentissima che l’atleta può usare a favore o contro di se!

A noi interessa chiaramente che lo usi a suo favore ed ecco che il feedback personale che l’atleta si dà mentre effettua la sua prestazione è di importanza vitale! Può fare la differenza tra vincere o perdere!

In quanto mental coach, esperti in PNL, insegniamo agli sportivi ad usare tutti i cinque sensi per “registrare” e quindi poter poi replicare le azioni che portano al successo!

E’ proprio l’individualizzazione di uno schema vincente e la sua replicazione che porta l’atleta ad essere uno sportivo vincente!

Il riconoscimento dei segnali di successo, dalla singola prestazione alla gara, dall’allenamento generale al miglioramento del singolo movimento, sono un must dell’allenamento mentale, altrimenti si rischia di avere il focus sempre sulle cose che non vanno e questo non crea campioni!

Vuoi saperne di più sui segnali di successo e sull’allenamento mentale per la massima prestazione sportiva? Partecipa alla prossima edizione del corso gratuito Sportivo Vincente, 3 ore interamente dedicate al mental training.

Vuoi diventare uno sports performance coach? Il corso si rivolge ad allenatori, istruttori, atleti professionisti e amatori, specialisti del settore, studenti universitari ed amanti dello Sport. È rivolto, quindi, non solo agli sportivi, ma anche agli addetti ai lavori ed appassionati. Tutte le info qui: Sports Performance Coaching

Condividi ora!

Powered by themekiller.com